Come muoversi in caso di problemi con l’assicurazione?

🕒 Tempo di lettura: 2 minuti

assicurazione

Avete subito un danno e l’assicurazione tarda a pagare, vi lascia sulle spine o peggio ancora si rifiuta di pagare?
Verrebbe da pensare alla soluzione più immediata: il giudice.
Cosa si può fare invece in questo e molti altri casi?
In riferimento alla legge 162/2014 possiamo appellarci alla procedura di negoziazione assistita, attraverso la nostra compagnia di assicurazioni.

Come funziona:

Le parti assicurative sia in dolo che la nostra si potranno incontrare e tentare un’ultimo approccio “pacifico” prima di rivolgersi al legale.
In questa maniera si troveranno soluzioni più rapide alle diatribe. Riducendo anche i tempi di risoluzione e alleggerendo di molto il peso gravoso che hanno spesso le cause in tribunale.
Di fatto calano le spese. La norma è stata studiata appositamente per scremare la burocrazia, che in italia ha la fama di essere tra le più lunghe e tediose.

In caso andasse male?

Nel qual caso le assicurazioni non dovessero trovare un’accordo a tavolino oppure il termine ultimo di 30 giorni per rispondere dovesse scadere si andrà per via legale.
Verrà avviata una causa contro la compagnia assicuratrice, che sia la compagnia della vittima o di chi ha causato l’incidente.
Ad ogni modo sarà possibile far pagare le spese legali sostenute alla compagnia responsabile del rifiuto.
In fase di giudizio, il magistrato dovrà tenere conto dell’avvenuto rifiuto e sarà possibile far pagare alla compagnia le spese sostenute con in più un risarcimento (ove fosse ritenuto necessario) per “lite temeraria”, ovvero la piena coscienza di voler andare in giudizio nonostante la trasparenza del torto.

Nel qual cosa invece andasse per il meglio?

In questo caso inizieranno le vere e proprie trattative con tre esiti possibili:

  1. la negoziazione non ha esito positivo, verrà tutto rimandato in giudizio;
  2. un accordo fifty-fifty, dove il risarcimento non è come ci si aspettava ma è immediato;
  3. accordo completo, l’accordo è andato a buon fine.

A questo punto verrà stipulato un verbale con valore legale e di sentenza, vincolando entrambe le parti.
Qualora il pagamento, inclusivo delle spese sostenute, non avvenisse si potrà richiedere un pignoramento alla compagnia impugnando il verbale.

Chiaramente Motosicura.it spera che nessuno si trovi mai nella condizione di dover affrontare un tale giro di vite, ma in quel caso sapete già come muovervi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verifichiamo che tu non sia un Bot ;) *